info@gtclassic.it +39 393 99 22 203
Galleria Fotografica SPA-Classic 2019
May 19, 2019
0

Due settimane dopo che la neve ha colpito il circuito di Spa-Francorchamps, i concorrenti della 9a Spa-Classic hanno dovuto affrontare solo alcune piogge, tanto da aggiungere un po ‘di pepe allo spettacolo, che non ne aveva davvero bisogno, con 339 auto da corsa – un record! Il pubblico si è accalcato sulla pista in previsione dei piaceri che li attendevano in quanto l’affluenza è aumentata anche con più di 20.000 spettatori nei tre giorni.

A prima vista, Spa-Classic potrebbe sembrare una specie di Le Mans Classic belga con una miriade di gare, paddock accessibili, auto in mostra, sfilate di club, attività, boutique e un grande pubblico. Ma non è esattamente il caso. Mentre Le Mans Classic ripercorre la storia completa della 24 Ore di Le Mans, Spa-Classic celebra la 24 Ore di Francorchamps con particolare attenzione alle auto da turismo dal 1966 al 1984.

In questa occasione sono state organizzate due gare della Heritage Touring Cup (rispetto ad una solo negli altri incontri) tra cui un evento di sabato sera creando un ambiente magico! Infatti, l’HTC è stato creato appositamente per Spa-Classic nel 2013, prima che diventasse una normale griglia alle riunioni di Peter Auto l’anno successivo. In cinque anni il numero di auto iscritte è aumentato da 27 a 51! E soprattutto, la preparazione meccanica è migliorata a passi da gigante. Il tempo sul giro è sceso di cinque secondi per la pole position e l’affidabilità ha fatto un grande passo in avanti con il 72% delle vetture al traguardo nel 2019 rispetto al 39% del 2014. È la prova dei vantaggi delle corse per le auto storiche! La varietà di macchine presenti si è ampliata con sei diverse marche (10 modelli) in pista questo fine settimana. A loro si aggiungerà un settimo nel prossimo futuro con l’arrivo di una Jaguar XJS, un coupé eccezionale alimentato da un grande motore V12 da 5,3 litri che è uscito dai laboratori del temibile Tom Walkinshaw Racing team nel 1981. Nuovi arrivati ​​Un altro nuovo arrivato , Endurance Racing Legends, ha fatto la sua prima gara su questo circuito dando agli spettatori l’opportunità di vedere (sempre per alcuni) tre rivali dei primi anni che hanno vinto la categoria GT nella 24 Ore di Le Mans: il Chryster Viper GTS / R ( 1998-1999-2000), Ferrari 550 GTS (2003) e Aston Martin DBR9 (2007-08). Tra i nuovi arrivi sulle griglie di Peter Auto è stata l’Alfa Romeo TZ2 (telaio AR10511 750019) di cui solo 12 sono stati costruiti durante l’inverno 1964-65.

CLUB E ATTIVITÀ  

Oltre all’azione sul circuito fornita dalle otto reti da corsa, gli spettatori potrebbero lasciare la pista per alcuni minuti – o poche ore – per ammirare le auto da collezione. Veicoli esotici come il Datsun Z, 100 dei quali 100 riuniti per celebrare il suo 50 ° anniversario, o auto più popolari come la famosa Peugeot 205 che celebra il suo 35 ° compleanno. Nel villaggio gli spettatori si sono riempiti di entusiasmo al circuito delle Slot Car e alle ballerine della Rétronette. Anche gli espositori (modelli in scala, prêt-à-porter, libri, ecc.) Hanno deliziato molti visitatori.

Spinto dal successo di questo evento, Patrick Peter invita tutti a tornare nella primavera del 2020 per la decima edizione di Spa-Classic. Nel frattempo, i concorrenti delle reti di Peter Auto si incontreranno di nuovo tra tre settimane al Grand Prix de l’Age d’Or sul circuito di Dijon-Prenois.